IA_media

L’intelligenza agonistica

IA_media

Tutti siamo incuriositi e attratti dagli uomini e dalle donne che hanno saputo compiere grandi imprese, nello sport, nel lavoro, nella vita di ogni giorno mettendo in campo capacità fuori dal comune per affrontare le sfide. Nello studiare queste figure, come psicoterapeuta e psicologo dello sport, mi è risultato evidente come esse agiscano una risorsa che si può identificare come Intelligenza Agonistica, definita come l’insieme delle competenze insite nella naturale tendenza dell’essere umano a progettare, affrontare, superare e prevedere sfide con se stesso, con gli altri, con l’ambiente. Tutti gli esseri umani (e forse tutti gli esseri viventi) posseggono questo tipo di intelligenza, fondamentale per la sopravvivenza stessa: è una capacità che si può allenare e risvegliare anche dopo una lunga inattività.  (G.Vercelli)

L’Intelligenza Agonistica racchiude 10 capacità, che possono essere allenate e sviluppate:

1. Reagire in modo flessibile alle varie situazioni

2. Trarre vantaggio da circostanze fortuite

3. Riconoscere l’importanza relativa dei diversi elementi di una situazione

4. Ricavare un senso da messaggi ambigui e contradditori

5. Trovare somiglianze tra situazioni diverse

6. Notare distinzioni tra situazioni simili nonostante le somiglianze che possono unirle

7. Sintetizzare nuovi concetti a partire da quelli vecchi e collegandoli in modi nuovi

8. Produrre idee nuove

9. Distinguere il momento in cui competere dal momento in cui allearsi

10. Sapere utilizzare la “mentalità del campione”.

 

Tratto da L’Intelligenza Agonistica, Giuseppe Vercelli, Ed. Ponte alle Grazie, Milano, 2009

Fonte: giuseppevercelli.it

 

 

Be Sociable, Share!