Bild-16

Tutti i talenti svizzeri radunati a Tenero

A Tenero per incontrare i talenti degli altri sport. Si è da pochi giorni concluso a Tenero, in Svizzera, il secondo camp riservato ai giovani talenti sportivi elvetici. Due volte l’anno, in occasione dell’incontro «Tutti i Talenti a Tenero» (3T), oltre 500 talenti sportivi dotati di una Swiss Olympic Talents Card National si allenano in Ticino per una settimana intera. Il programma Swiss Olympic offre ai giovani sportivi e ai loro allenatori un’opportunità per progredire sul piano sportivo e a livello personale. Un po’ quello che succede con Talenti 2020 ma in maniera leggermente diversa. In base ai valori olimpici «Grandi prestazioni – Amicizia – Rispetto», durante l’evento 3T i maggiori talenti sportivi svizzeri vengono incentivati nel loro impegnativo cammino verso i massimi livelli, partecipano ad allenamenti di alto livello qualitativo e specifici per la loro disciplina sportiva, ricevendo inoltre un’assistenza scientifico-sportiva, scoprono i valori olimpici e i sei impegni prvisti nel protocollo «cool and clean» e possono conoscere e misurarsi con talenti di altre discipline sportive e culture linguistiche.2434_510_0_7bcbdcfe30
L’incontro «Tutti i Talenti a Tenero» è nato nel 2001 in occasione dell’inaugurazione del Centro Sportivo Nazionale della Gioventù di Tenero (Cst) e da allora costituisce un elemento essenziale delle misure attuative promosse dalla Confederazione nel campo della promozione dei giovani talenti nell’ambito della «Concezione del Consiglio federale per una politica dello sport in Svizzera». Il 3T viene organizzato da Swiss Olympic, l’associazione più importante dello sport svizzero, in collaborazione con l’Ufficio federale dello sport e il Centro Sportivo. L’evento, e dunque i giovani talenti sportivi elvetici, sono sostenuti dal punto di vista finanziario dalla Fondazione Aiuto Sport Svizzero (Fass) e dalla società Sport-Toto.11887161_1702049533348430_1864065147_n
All’inizio della settimana, il direttore del Cst Bixio Caprara ha spronato i partecipanti a sfruttare tutte le opportunità di questo campo: la possibilità di allenarsi in condizioni ottimali nella propria disciplina e di confrontarsi con atleti di altri sport. L’occasione di provare attività complementari come l’arrampicata, il tiro con l’arco, l’acquafit, l’autodifesa, il rilassamento e la breakdance. L’opportunità di svolgere un corso per imparare a fare massaggi e di sottoporsi a test diagnostici per la valutazione delle attitudini fisiche grazie alla collaborazione con il Centro di medicina e di chirurgia dello sport dell’Ospedale La Carità di Locarno.
All’interno della settimana i partecipanti hanno usufruito di momenti formativi particolari. Ad esempio, l’allenatore dell’Hockey Club Lugano, Patrick Fischer, ha tenuto un’interessante conferenza in cui ha esposto ai giovani talenti i suoi consigli per raggiungere il successo nello sport di alto livello: lavorare duro, sfruttare le forze mentali, salvaguardare la salute. Molto apprezzati sono stati anche gli allenamenti incrociati che, per esempio, hanno permesso ai calciatori di svolgere una lezione di tennistavolo diretta dall’allenatore di questa disciplina.Bild-16

Be Sociable, Share!